lunedì 21 settembre 2009

La bastarda che è in me

Sgnapis


Ci sono mattine micidiali, quelle in cui metti il piede giù dal letto e capisci subito che l’altra te, quella che di solito riesci a controllare, durante la notte mentre dormivi, è riuscita a liberarsi e ti ha messo il giogo.

Capita ogni volta, quando una forza apparentemente estranea, guida le mie azioni poiché è già padrona della mia testa.

Così può accadere, che malgrado gli impegni e la stanchezza, io decida in due secondi, senza aver nemmeno preso il primo caffè della giornata, senza pianificazione di sorta, senza prendere giorni di ferie, con le previsioni meteo più brutte degli ultimi vent’anni, di tinteggiare le pareti di casa.

E che sarà mai direte voi! Una mano di tempera a rullo ben distribuita, una successiva a pennellessa e il gioco e fatto. Poco male se poi c’è da lavare ogni cosa e risistemare tutto, strolgando soluzioni alternative, pessime, perché alla fine tutto tornerà come prima, che andava così bene.

Se così fosse, voi avreste ragione.

Invece quelle bestiaccia dell’altra col piffero che si accontenta di due mani di bianco, lei vuole i colori. Tanti. E li vuole come pare a lei. Pure.

Una vera bastarda schiavista.

Così mi ritrovo costretta ogni sera, mio malgrado, risaputa la mia proverbiale pigrizia, a mettere tutto sottosopra, a fare scodelle e scodelline di colori a tempera a gestire decine di pennelli che gocciolano ovunque, spostare stracci a non finire, carta di giornale, salire e scendere dal ponteggio decine e decine di volte. Palestra? Due ore di fitness esasperato sono sciocchezze a confronto!

Ecco spiegato il motivo della mia assenza.

Sono riuscita a liberarmi di lei cinque minuti perché è andata a fare l’ennesima doccia, per questo vi posso scrivere, ma dovrei spegnere immediatamente se dovesse tornare. E’ insopportabile e vuole che tutte le energie le impieghi a finire il lavoro.

Mentre sgobbo come un somaro, gira per casa col naso per aria e dice:- C’è da fare pure questo, da sistemare anche quello, magari tra lunedì e martedì correggiamo questa cosina qui…Parla al plurale la bastarda, MA FACCIO TUTTO IO!

Vi lascio un’immagine di ciò che mi ha costretta a produrre così vi fate un’idea. Spero comunque di riuscire a sopprimerla alla svelta, anche perché andando avanti così, rischio il deperimento fisico e psichico…Dite che sono già a buon punto? Temo che abbiate ragione, per questo devo fare in fretta.

Non ho avuto tempo di leggere nulla di quello che avete scritto finora e spero di poterlo fare i prossimi giorni., anche perché si sono aggiunti problemi di adsl. Secondo me la sta sabotando lei.

E’ capace di tutto, di tutto.

Intanto vi saluto dalla mia gabbia arcobaleno, con la speranza che la negriera possa finire sciolta nello scarico della doccia, come sono finiti l’arancione, il rosso cadmio, il giallo Napoli, il terra di Siena…

Sta uscendo dal bagno, scappo. Ciaooooooooo

12 commenti:

Giulia ha detto...

Debo dire che queste due Silvie mi sono entrambre simpatiche. E' una gran bella amicizia tutto sommato, anche se una insegue l'altra e l'altra cerca di fuggire. In realtà anche all'altra piace di essere "acchiappata".

Le pareti, te l'ho già detto sono splendide. E sei brava, bravissima.

baci

mazapegul ha detto...

Silvia: il tuo doppio ha ragione, anche se ti fa ammattire. L'effetto è superbo! (Mi ricorda i quadri -figurativi- di uno scandinavo, visti alla biennale tantissimi anni fa: la parsimonia dei colori caldi in Scandinavia -questa è almeno la mia esperienza- doveva averlo messo in agitazione).

Ma di che stanza si tratta?

Buon lavoro,
Maz

Barbara ha detto...

Fammi capire: quella è una parete di casa tua?
Ma tu sei un'artista!
Mica avevo capito.
E pensare che a me fa paura dare una mano di bianco nella cameretta dei pupi.
Dai che la schiavista non c'ha poi tutti i torti a farti sgobbare, se questi sono i risultati.
Un saluto

Silvia ha detto...

E' vero Giulia, mi lamento, ho le braccia fuori uso, le gambe si piantano ad ogni passo ma alla fine mi faccio trascinare sempre...Quando comanda LEI non c'è niente da fare per me. Ora è tranquilla, siamo ai corridoi con del semplice bianco, sempre che non cambi idea. E'pazza:) baci.

Maz hai ragione anche tu. Il mio appartamento è esposto a nord ovest, e al primo piano. Oltre ad esere fresco d'estate purtroppo è anche "buio". Per questo mi piacciono i colori a ravvivare.
E mi piace pure essere abbinata agli artisti scandinavi:)perchè adoro la scandinavia, uno in particolare Per Kirkeby che sento particolarmente affine.
E' una parete della camera da letto che ha 5 pareti. Se fai un salto sul mio blog, vedi anche come ho colorato la parete quasi di fronte a quella. Il resto della casa è più "sottotono", ma è anche vero che non ho ancora finito. Grazie


Barbara se vuoi vengo io a dare il bianco a fare i paperini, gli orsacchiotti e altro:)
Grazie del complimento. Più che un'artista mi sento una bambina molto cresciuta con la libertà di colorare dove le pare. Non ho avuto figli, ma prima di sapere che non ne avrei potuti avere, ho sempre detto che li avrei schiaffati dentro ad una stanza con pareti ultra lavabili fino al soffitto e li avrei lasciati sbizzarrire. E forse a loro non sarebbe importato nulla. Forse:)Ciao

Barbara ha detto...

Silvia: pareti lavabili? Scusa la megaignoranza, ma che cosa sono? Come si realizzano? (it sounds interesting)

Solimano ha detto...

Silvia, tu avresti dovuto vedere casa nostra a Parma, con tutte le pareti a pennarello libero per i figli. Educazione libertaria, si chama così. Vernici non lavabili... Le facemmo dipingere con le vernici lavabili, ma intanto i figli erano cresciuti e non penneleggiavano più (le pareti).
Potresti scrivere prima o poi qualche post con una esposizione di quadri tuoi: immagini, date, occasioni, tecniche, sentimenti.
Ammireremmo, diremmo quello che sentiamo e pensiamo, senza dare voti, per carità!

grazie e saludos
Solimano

Silvia ha detto...

Barbara esistono in commercio delle pitture formidabili che una volta asciugate fanno risultare la parete completamente lavabile. Lo avrai notato in certe strutture pubbliche, ospedali, cucine...
Se ti rivolgi in un qualsiasi negozio di colori ti sapranno aiutare di sicuro. Così i bimbi potranno fare tutto ciò che vorranno e tu dovrai "solo" lavare. Esistono anche carte da parati così. C'è una grande varietà in commercio di materiali che possono darti una mano in tal senso.
Sono giorni che mi aggiro in un mega negozio di bricolage. Vorrei comprare e fare e disfare tutto:)Sono in fase manual-creativa.


Solimano:) mi hai fatto sorridere. Mi hai fatto tornare in mente la mia stanza da letto che aveva la carta da parati, NON LAVABILE, sulla quale avevo scritto tutte le poesie e le frasi che mi piacevano e stralci di libri. Quando l'ho rimossa, ho sentito che stavo staccando una parte di me:) Mia madre ha avuto una pazienza infinita. Da grande sono passata alle ante degli armadi. Lo so, sono un poco fuori di testa:)
Credi che sia il caso che vi ammorbi con le mie "colorate"? Magari un giorno ne farò una carrellata, volentieri. Però tu mi prometti che mi aiuterai con le immagini?

zena ha detto...

cara Silvia, le colorate madeinSgnapis sono un filtro per tra-guardare le cose, ad esempio attaverso un campo (o un vaso) di girasoli.
Lasciala fare: la ragazza coi colori in mano sta svolgendo un lavoro socialmente utile.
:)

Habanera ha detto...

Per essere bastarda la bastarda lo è, ma vuoi mettere la soddisfazione a lavoro finito?
Magari io fossi capace di produrre un simile portentoso effetto sulle mie pareti!
Sono andata a vedere anche sul tuo blog ed ho apprezzato particolarmente la parete con varie sfumature di blu.
Asseconda l'artista che è in te e non brontolare per la stanchezza, ogni cosa ha il suo prezzo.

Noi ti aspettiamo e sappiamo che tornerai per riempire, come sempre, di colore e allegria queste Stanze.
H.

Silvia ha detto...

Grazie belle donne:) Non mi lamento per la stanchezza e vi ringrazio per gli apprezzamenti:)

Hanno detto di tutto guardando le mie produzioni tesoro, ma socialmente utile è la prima volta. E lo gradisco particolarmente:)

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e