sabato 18 luglio 2009

Ancora sul battesimo

Barbara



Questa faccenda del battesimo mi sta logorando lentamente.

Ecco una conversazione di questi giorni tra me e mamma. La premessa è che lei frequenta un'altra parrocchia e non conosce bene i sacerdoti della nostra.

-Allora, sai già se lo battezzerà il parroco?
-Mah! Mi pare di aver capito che lo farà lo stesso tizio dell'altra volta.
-Abbi un po' di rispetto! Non si dice tizio ad un sacerdote!
-Luigi non è un prete, è il diacono.
A questo punto mia madre mi fissa attonita per qualche istante, poi deglutisce e annaspa.
-Mi stai dicendo che quel tizio che ha battezzato Sofia Luna non era un prete?
-Te l'ho detto, era il diacono.
-Ma...si può fare? Dico...è legale?
-Come legale?
-Cioè...voglio dire...sarà valido allora il battesimo della piccola, se non l'ha fatto un prete?
-E che l'hanno battezzata per finta? Se l'ha fatto il diacono si vede che si poteva fare, c'avrà avuto un permesso...
-Ma che permesso e permesso! Se non era un prete che battesimo è, un battesimo di serie B?
- Sì, col girone di andata e ritorno!
-E smettila di scherzare sempre sulle cose serie! Mi devo informare! Adesso vado dal mio padre spirituale e gli chiedo se Sofia Luna può considerarsi battezzata agli occhi di Dio! Ma perchè non me l'hai detto prima che quello non era un vero prete...

Mannaggia alla mia boccaccia! Qua, se non ci sbrighiamo, i battesimi diventano tre, che mia madre è capace di farmi rifare pure quello di Sofia Luna...

6 commenti:

mazapegul ha detto...

Insomma, tua mamma è una pericolosa anabattista!
Ciao,
Maz

Silvia ha detto...

Il diacono è il ministro che ha ricevuto il primo grado dell' Ordine sacro delle chiese cristiane.

Nel cristianesimo primitivo il diacono assolveva a un servizio amministrativo e assistenziale ed era subordinato al vescovo.

Formatasi la struttura gerarchica, i diaconi furono inferiori solo ai presbiteri e al vescovo, con funzioni di assistenza di quest'ultimo: distribuivano l'eucarestia, leggevano i testi sacri ed erano dediti alla predicazione.

Nella prima Chiesa cristiana non mancò probabilmente anche una categoria di diaconesse; il loro ufficio cessò alla fine del Mille, mentre nella Chiesa protestante è stato ripristinato fin dal secolo scorso.

Con il Concilio Vaticano II è stato ripristinato il diaconato permanente nella Chiesa cattolica latina. Prima di esso, per molti secoli è esistito unicamente come tappa transitoria per i candidati al presbiterato.Il diacono ha la facoltà di amministrare alcuni sacramenti (battesimo, matrimonio), è ministro ordinario dell'Eucaristia ed esercita il ministero della parola. Inoltre può impartire benedizioni di persone, luoghi e oggetti, benedizioni eucaristiche e presiedere il Rito delle Esequie e altre liturgie fuori della Messa.

I diaconi permanenti possono essere ordinati tra i battezzati celibi e anche tra coloro che sono sposati. Però se sono celibi, dopo la ordinazione diaconale non possono più sposarsi.

Nelle celebrazioni e concelebrazioni eucaristiche, presiedute da un presbitero o da un vescovo, la lettura del vangelo è sempre di competenza del diacono, se presente.I paramenti sacri del diacono sono la stola diaconale (indossata dalla spalla sinistra al fianco destro) e la dalmatica (veste utilizzata soprattutto in celebrazioni solenni, diversa dalla casula e dalla pianeta in quanto provvista di maniche). Può anche indossare, in assenza di ministri di ordine superiore, il piviale, l'abito utilizzato nelle solennità in riti liturgici fuori della Messa.

Se leggerai questo alla tua mamma, forse si metterà il cuore in pace.
Io però non direi più niente fino alla fine della cerimonia. Ammesso che d'ora in poi ti sarà possibile. Non parlarne più, intendo:)

Silvia ha detto...

p.s. la foto è uno spettacolo.

Solimano ha detto...

Barbara, non voglio infierire, ma in caso di necessità il Battesimo può essere impartito anche da un comune fedele, basta che dica la formuletta "Ego te baptizo in nomine etc etc".
Ma non dirlo a tua mamma, perché, se è una pericolosa anabattista come dice il Màz, va in giro a battezzare impunemente qualsiasi persona che sia in odore di non battezzo.

grazie Barbara e saludos
Solimano

Barbara ha detto...

Sì ragazzi! Mi sono cucita la boccaccia. Silenzio super assoluto.
E conto alla rovescia fino al ventisei luglio....

annarita ha detto...

Mi sembra la soluzione più saggia e salvifica per la tua salute mentale ;-)). Tieni duro, la data si avvicina!
Salutissimi, Annarita