sabato 28 marzo 2009

Ricapitolando

Habanera

Il sorriso di un bambino

Che io viva i miei rapporti in rete con divertita simpatia, a volte anche con empatia ed affetto, credo che ormai sia chiaro a tutti.
La mia vita reale, impegnativa ed intensa, non è stata, non è, e non sarà mai facile. Ma se ho conosciuto il dolore vero, quello che potrebbe anche ucciderti (non quello masochisticamente autoprodotto), ho conosciuto e conosco anche la felicità e me la tengo stretta.
Felicità di vivere per il solo fatto di essere vivi e di poter vedere lo sbocciare di un fiore, il sorriso innocente e radioso di un bambino, lo sguardo particolare e solo tuo della persona che ami. Vivere con passione ed amore anche per le persone che abbiamo amato e che non ci sono più, vivere ed amare la vita perchè loro possano continuare a vivere in noi.

Non piove dal cielo questa felicità, devi conquistartela giorno per giorno, minuto per minuto, lottando con tutte le tue forze, mettendoti continuamente in gioco con generosità e coraggio. Coraggio di amare ma anche coraggio, forse più difficile, di accettare di essere amati.

La rete è quel qualcosa in più che può diventare molto di più quando si ha la fortuna di incontrare persone disponibili, aperte, generose, non concentrate solo su se stesse.
Qui ne ho incontrate (o ritrovate) di persone così, una diversa dall'altra, ognuna con il suo modo particolare di essere e di rapportarsi con gli altri, pronte a mettersi in gioco e a condividere almeno una piccola parte di se stessi.

Possiamo fare un po' di strada insieme se lo vogliamo, farà certamente bene a tutti.
Non è difficile, solo un tantino impegnativo, ma ne vale certamente la pena.

Il raggio verde


9 commenti:

sabrinamanca ha detto...

...

Solimano ha detto...

Il raggio verde e l'ora blu sono stati inseriti da Eric Rohmer in due suoi film. Il bello è che non sono sogni o fantasie, esistono veramente.
Il raggio verde lo sanno tutti, d'altra parte il film di Rihmer ha proprio quel titolo.
L'ora blu c'è nel film Reinette e Mirabelle ed è di notte, verso l'alba, quando hanno smesso di cantare gli uccelli notturni e non hanno ancora cominciato a cantare quelli diurni. Ho potuto constatarne l'esistenza con le mie orecchie stando all'alba nel mio terrazzo grande, che è vicino a una quercia ed a degli aceri. Dura solo qualche minuto in cui tutto è silenzio.

grazie Habanera e saludos
Solimano

Habanera ha detto...

Sabrina
... ?

Solimano, pare che il raggio verde esista realmente ma non mi è mai capitato di vederlo e non credo che mi capiterà.
Conosco invece l'ora blu e il suo silenzio assoluto.
Dà una sensazione di vuoto, come essere sospesi sull'infinito.
Quando riprende il canto melodioso dei primi uccelli del mattino senti di nuovo di far parte di questo mondo e sorridi al nuovo giorno che inizia ed alla vita che ricomincia.
H.

Giulia ha detto...

Mi sono già messa in cammino come credo tu abbia già capito...
Sono d'accordo con te.I momenti sereni, felici sono una conquista. Io ho imparato a guardare in faccia il dolore, la sofferenza e ad affrontarli e ho capito che a volte ti insegnano molte più cose di quello che uno possa pensare.
La rete può diventare quel qualcosa in più, come dici tu. Mi sembra che qui ci siano i presupposti.
Spero anch'io molto un giorno di potervi incontrare e conoscere. Grazie per averci dato l'opportunità di fare questa bella esperienza.
Sei una bella persona, posso dirtelo?
Un abbraccio
Giulia

Roby ha detto...

Straordinaria compagna di viaggio, ti abbraccio stretta con affetto (e ti assicuro che presto tornerò a "postare" anche sul Nonblog!)

Baciottoni

Roby

sabrinamanca ha detto...

Hai ragione ma avrei dovuto dire che condividevo dalla prima all'ultima parola, virgole e punti compresi, quando è così mi sembra freddo dire "sottoscrivo" e allo stesso tempo volevo dirti che avevo letto.

"Non piove dal cielo questa felicità, devi conquistartela giorno per giorno, minuto per minuto, lottando con tutte le tue forze, mettendoti continuamente in gioco con generosità e coraggio."

Accidenti ma perché mi vien sempre voglia di abbracciarti???

Silvia ha detto...

Ciao bella donna.
Io ti/vi saluto ogni mattina mentre mi preparo per andare al lavoro. E meraviglia delle meraviglie, non mi sento sola.


TI PARE POCO????

Ti voglio bene.

annarita ha detto...

Da ragazza in estate mi piaceva molto uscire in bicicletta da sola nell'ora blu (non sapevo si chiamasse così, ma intuivo tutta la compiutezza del momento). Rimpiango quei momenti (anche se non vorrei tornare indietro per nulla al mondo) perché avevo molto più coraggio e forza di quanti ne abbia ora. Forse era la giovinezza o forse solo perché i giorni neri erano ben di là da venire, non avrei neppure potuto immaginarli. Un beso :-)

Habanera ha detto...

Sabrina, Solimano, Giulia, Roby, Silvia, Annarita, sarà un bel viaggio quello che faremo insieme.
A volte allegro, a volte più pensoso, sempre comunque vivo ed interessante.

Grazie e un bacione a tutti
H.