martedì 20 gennaio 2009

Teologia e ortofrutta

Roby
















Non chiedetemi come ci sono arrivata: gironzolavo su Google, per distrarmi cinque minuti alla fine di una giornata stressantissima, e loro mi sono capitate per caso (o è stato il fato?) sotto gli occhi.
Loro sono le due fettine di melanzana che vedete qui sopra. Sissignore, avete letto bene: me-lan-za-na. Quella a sinistra è stata trovata da una signora americana, in Pennsylvania, quella a destra, invece, stava per essere mangiata da una famiglia musulmana del Derbyshire, in Inghilterra. Su entrambi i reperti vegetali appare scritta (sic) la parola DIO (in inglese nel primo caso, in arabo -per l'esattezza in dialetto urdu- nel secondo). Le due immagini non provengono dallo stesso sito internet, e probabilmente i rispettivi blogger non conoscono l'esistenza l'uno dell'altro. Ma il fatto è che qui s'incontrano teologia e mercato ortofrutticolo, verità rivelata e parmigiana al forno, fede e pasta alla Norma.
Che altro aggiungere? Solo che tutto ciò s'inserisce in quel che si definisce comunemente pareidolia, argomento su cui stasera (grazie anche a Wikipedia) mi sono fatta una cultura.

4 commenti:

Solimano ha detto...

A questo punto, io che sono di Parma al 50%, appartengo al popolo eletto (seppure al 50%, meglio che niente): come facciamo noi le melanzane non c'è nessuno, chissà l'invidia di quei Filistei dei reggiani!

saludos y besos, Roby
Solimano
P.S. Ma, stando sul serio, ci sarà qualcuno, in giro per il mondo, che dirà che questa è una ulteriore prova dell'esistenza di Dio, e qualcun altro dirà che tale argomentazione non è popperianamente confutabile. Chissà le fan del ciuffetto di Ratzinger come saranno contente!
P.P.S. Sono andato in sala un momento fa, ed ho visto il titolo di Porta a Porta di stasera: "Paura e Speranza", eccolo!

sabrinamanca ha detto...

ad essere precisi (e puntigliosi) nel primo caso i ci vedrei piuttosto la scritta gid, con tanto di puntino sulla i. Ma si sa, la religione è una questione di vedute!
Ieri notte mi sono messa a letto e ho detto: se esiste un dio, avrà pietà di me e non farà svegliare mia figlia sino a domattina. Subito dopo l'urlo di Juliette mi ha ricordato che dio non esiste!

Giuliano ha detto...

Il Grande Cocomero esiste!!!
Dov'è finito Linus, bisogna correre a dirglielo!
(la Grande Melanzana?)

Silvia ha detto...

Mi dispiace Solimano, ma come ben saprai l'origine non è nordica, bensì campana, come l'ortaggio non è tipicamente delle nostre aree, bensì del sud. Sul termine parmigiano, saprai anche che potrebbe avere origine da un termine siciliano, oltre che dal PARMIGIANO e dal modo di cucinare le verdure a strati tipiche dell'area parmense. Per cui considerato che questa ricetta ha molti più natali di quanto potrebbe sembrare e considerato che parrebbe scorretto da parte dei parmensi attribuirsene le origini, posso affermare senza smentita CHE NOI REGGIANI LE CUCINIAMO MEGLIO DI VOI che abbiamo anche il REGGIANO che segue il parmigiano. E scusa se è poco.
Tutto questo con grande stima e senza ombra di campanilismo gratuito.
Au revoir mon ami:)

Per quanto riguarda le melanzane dai grandi messaggi anche io ci ho letto altre cose, ma si sa, io non faccio testo.
Buona giornata.